Nuvole e latino

Lo sappiamo, la nostra bella lingua latina è stata adottata da scienziati e studiosi per designare gli esseri viventi, e non solo: è ampiamente usata in astronomia e in tanti altri sistemi di classificazione in ogni angolo del mondo. Nemmeno le nubi si sottraggono al fascino di questa lingua, che fortunatamente non è per nulla morta! E così eccomi a presentarvi uno stupendo esemplare notturno di altocumulus stratiformis undulatus translucidus. È altocumulus perché nube composta da unità relativamente piccole, abbastanza distinte, con ombre proprie, poste a quote medie; è stratiformis perché si estende orizzontalmente per gran parte del cielo; è undulatus perché la disposizione delle unità costituenti ricorda (più o meno) le onde del mare; è translucidus perché il complesso nuvoloso lascia intravedere l’astro che si trova dietro, in questo caso la luna. Certo, lo potremmo chiamare altocumulo stratiforme undulato translucido… ma volete mettere l’eleganza e la musicalità degli stessi termini formulati in latino? 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...